eghion_la_capitale_di_egialeia_achaea_peloponnesus
il_parco_verde_psila_alonia_in_eghion
godetevi_la_piazza_verde_di_psila_alonia_città_turistica_di_eghion
piazza_centrale_nella_città_di_uper_centro_di_una_religione
il_municipio_di_eghion
vecchia_casa_tradizionale
panoramica_al_mare_da_psila_alonia_eghion_egialeia
Coffee_bar_in_Egion
porto_turistico_della_regione_sullo_sfondo_della_città_alta
il_porto_turistico_di_una_aigion
il_faro_nel_porto_turistico
il_biotopo_in_vista
parcheggiare_con_le_palme_nel_centro
santuario_chiesa_panagia_trypiti
teatro_all_aperto
sala_da_musica_in_egion
evento_folcloristico_in_eghion
previous arrow
previous arrow
next arrow
next arrow
Slider

Aigio/Egio la capitale della Aigialia

Aigio è la capitale della provincia e Aigialia la seconda città più grande nella prefettura di Achaia.

La piccola città portuale é situata in una bella zona verde, nella parte settentrionale del Peloponneso, lungo il Golfo di Corinto (traghetto per la terraferma – Aghios Nikolaos).
Aigio è situata 8 km a est di Longos / Selianitika e ha un buon servizio di autobus locali.
È stata costruita su su una stretta striscia di terra fertile.
Era già abitata in epoca antica ed è stata conosciuto come il centro della Lega Argiva, insieme con la città di Elice.
Nel Medio Evo, portava il nome slavo Vostitsa.
Il luogo Psila Alonia con il suo parco verde e la sua splendida vista sul golfo di Corinto, il museo e il famoso santuario della Panagia Tripiti, affacciato direttamente sul mare su una scogliera nel punto in cui è stato scoperto la miracolosa icona della Madonna, sono solo alcune delle attrazioni.
Oltre ai negozi, diverse banche e due marine, cè anche un ospedale moderno distrettuale.

Da vedere

  • Dodici pozzi: Da questa fonte del mare, è stato costruito un sistema di ben dodici fontane a forma die leoni
  • Tripiti Chiesa: La chiesa è in parte costruita nella roccia del pianoro
  • Faneromini Cattedrale: un neo-cattedrale classico nel centro della città, costruita dall’architetto tedesco Ernst Ziller
  • Museo Archeologico: Nella sala dell’ex mercato costruito nel 19 Secolo, progettato dall’architetto tedesco Ernst Ziller, ci sono numerosi reperti archeologici della città e della regione